Pappe svezzamento e ninja affamati. Passato di verdure, ma quello buono.

DSC_0872

Ciao! Come al solito, agisco nel cuore della notte, nel buio totale. Batto sulla tastiera con le dita felpate. Respiro sottovoce… L’ombra è la mia amica, e di ombra con questa forma fisica ce n’è tanta.

I sei mesi hanno già bussato alla porta e la tanto amata tetta non basta più, lei ha voglia di esplorare e quindi ecco che ho imparato finalmente come bollire bene le verdure.

Come ogni mamma mi sono posta all’inizio le domande sullo svezzamento:

“E questo posso? E questo? Questo? QUESTO?….maaaa questo?”

E per la fortuna della nostra pediatra non sono il tipo da chiamare il medico per ogni minima cavolata, perciò con un po’ di coraggio, audacia e minimo di buon senso ho trovato la mia strada a metà tra lo svezzamento classico e l’autosvezzamento.

Continua a leggere

Gli alti, i bassi e i pannolini

Non è stato difficile trovarlo… il trucchetto per non sporcare tutte le tutine e i body fino alle ascelle con la cacca. Prima di tutto ci volle il terzo occhio per cominciare a prevedere il momento della liberazione, di conseguenza bisogna cambiare il pannolino prima dell’inizio della propulsione e incrociare infine le dita che sia inferiore al solito di quantità. Poi di corsa a cambiare pannolino tenendo la pargola a distanza e cercando di non schiacciare il pannolino ne di spostarlo.

Ecco, con un po’ di fortuna ho cominciato ad evitare di fare 3 cambi al giorno.

Continua a leggere